Dichiarazioni di voto 5 agosto 2015: Pastorelli (PSI) su mozione Veneto (VIDEO)

Dichiarazioni di voto 5 agosto 2015: Pastorelli (PSI) su mozione Veneto (VIDEO)

Roma, 5 agosto 2015 – “La mozione che oggi insieme ad altri colleghi deputati sottopongo al vostro voto è prima di tutto un atto dovuto nei confronti delle popolazioni venete colpite dagli eventi calamitosi dello scorso 8 luglio. Il violento tornado che ha, infatti, investito la provincia di Venezia impone una risposta immediata ed adeguata da parte delle istituzioni statali. Il Senato ha già contribuito in sede di conversione del decreto-legge n. 78 del 2015 e ora tocca a quest’Aula esigere che il Governo agisca subito a tutela dei nostri concittadini veneti”. Così Oreste Pastorelli, deputato del Psi componente della commissione Ambiente e cofirmatario della mozione concernente iniziative in favore delle popolazioni venete colpite da calamità naturali.

Read More

Veneto: Pastorelli (PSI), impegno Governo atto dovuto a cittadini

Veneto: Pastorelli (PSI), impegno Governo atto dovuto a cittadini

Roma, 5 agosto 2015 – “La mozione che oggi, insieme ad altri colleghi, sottopongo al voto della Camera è prima di tutto un atto dovuto nei confronti delle popolazioni venete colpite dagli eventi calamitosi dello scorso 8 luglio. I danni causati dal tornado, infatti, impongono una risposta immediata ed adeguata da parte delle Istituzioni statali. In questi frangenti, la sospensione o l’esenzione dei tributi, la predisposizione di fondi ad hoc, l’allentamento del patto di stabilità per i Comuni interessati dal disastro, il sostegno ed il recupero di beni e attività private presenti sul territorio, sono tutti strumenti di uno Stato che si fa alleato del cittadino. E’ chiaro, quindi, che nel Governo sono riposte tutte le aspettative sia delle popolazioni oggi in difficoltà sia delle forze politiche presenti in Parlamento. Fondamentale è ora non deludere tali aspettative, anche alla luce della tragedia causata dalla frana in Cadore. Adesso più che mai è necessaria un’azione di Governo efficace e all’altezza della prova cui il Veneto e l’Italia, ancora una volta, sono chiamati ad affrontare”. Lo afferma Oreste Pastorelli, deputato del Psi, componente della commissione Ambiente e cofirmatario della mozione concernente iniziative in favore delle popolazioni venete colpite da calamità naturali.

[share title=”Condividi su:” socials=”facebook, twitter, google, bookmark” class=”” ]

Dichiarazione di voto 4 agosto 2015: Pastorelli (PSI) su dl enti locali (VIDEO)

Dichiarazione di voto 4 agosto 2015: Pastorelli (PSI) su dl enti locali (VIDEO)

Roma, 4 agosto 2015 – “Il Decreto-legge che ci apprestiamo a convertire mette in campo un pacchetto di misure in materia di bilancio degli enti locali di cui da tempo il PSI aveva sottolineato l’urgenza. La delicata fase economica nella quale ci troviamo richiede senz’altro maggiori spazi di manovra per i Comuni al fine di far fronte a spese necessarie e non rinviabili, sia in materia ambientale sia con riferimento ad infrastrutture di primaria importanza (quali ad esempio gli edifici scolastici)”. Lo afferma Oreste Pastorelli, deputato del Psi e componente della commissione Ambiente della Camera, nel corso delle dichiarazioni di voto finali sul ddl di conversione del dl enti locali.

Read More

Enti locali: Pastorelli (PSI), bene dl, ora chiarimento su personale province

Enti locali: Pastorelli (PSI), bene dl, ora chiarimento su personale province

Roma, 4 agosto 2015 – “Il provvedimento sugli enti locali mette in campo un pacchetto di misure in materia di bilancio di cui da tempo il Psi aveva sottolineato l’urgenza. La delicata fase economica che attraversiamo richiede maggiori spazi di manovra per i comuni al fine di far fronte a spese necessarie e non rinviabili, sia in materia ambientale sia riguardo a infrastrutture di primaria importanza come gli edifici scolastici. Fondamentale in questo senso la ridefinizione degli obiettivi del patto di stabilità interno per gli anni 2015-2018, così come le nuove modalità di utilizzo delle risorse del Fondo di solidarietà comunale. Tuttavia, mi preme sottolineare l’importanza di una disposizione che non ha trovato spazio in questa sede: c’è la necessità di chiarire al più presto le posizioni lavorative e previdenziali del personale dipendente di società o di enti partecipati dalle Province. Anche questi lavoratori hanno, infatti, diritto a risposte chiare e concrete. Il provvedimento in esame costituisce, comunque, un aiuto concreto ai comuni, specie quelli colpiti da calamità naturali. Occorre ora proseguire con convinzione su questo percorso”. Lo afferma Oreste Pastorelli, deputato del Psi e componente della commissione ambiente della Camera, nel corso delle dichiarazioni di voto finali sul ddl di conversione del dl Enti locali.

[share title=”Condividi su:” socials=”facebook, twitter, google, bookmark” class=”” ]

Enti locali: Locatelli e Pastorelli (PSI), dare risposte concrete a lavoratori partecipate

Enti locali: Locatelli e Pastorelli (PSI), dare risposte concrete a lavoratori partecipate

Roma, 4 agosto 2015 – “Con soddisfazione accogliamo la decisione del Governo di recepire il nostro ordine del giorno, il quale valuta la possibilità che l’Esecutivo risolva quanto prima la questione del personale delle società partecipate dalle Province e dalle Città metropolitane in uno dei provvedimenti attualmente all’esame del Parlamento. Il dl enti locali che oggi votiamo, infatti, non prevede i necessari chiarimenti per le posizioni lavorative e previdenziali dei dipendenti delle partecipate locali. Per questo abbiamo chiesto al Governo di dare, tramite un odg, risposte chiare e concrete ai lavoratori che hanno perso il proprio posto di lavoro”. Lo affermano in una nota Pia Locatelli e Oreste Pastorelli, deputati del Psi.

 

Il testo dell’ordine del giorno

La Camera, premesso che:
l’articolo 4 del decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, interviene nell’ambito della ricollocazione del personale delle province. In particolare il comma 2 dispone il trasferimento presso l’amministrazione in cui presta servizio del personale delle province che, alla data di entrata in vigore del provvedimento in esame, si trova in posizione di comando, distacco o altri istituti comunque denominati presso altra pubblica amministrazione;

si ritiene importante inserire nel decreto-legge norme per il personale impiegato nelle società partecipate dalle province e dalle città metropolitane;

al personale con rapporto di lavoro a tempo indeterminato delle società o degli enti partecipati dalle province e città metropolitane, che risultino in fase di scioglimento o in liquidazione al momento del trasferimento delle funzioni, in ottemperanza alle norme dalla legge Delrio (legge 7 aprile 2014, n. 56), o per i quali sussistano i presupposti per lo scioglimento e la messa in liquidazione, dovrebbero applicarsi le disposizioni previdenziali in materia di regime di accesso al trattamento pensionistico, vigenti prima dell’entrata in vigore dell’articolo 24 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, a condizione che risultino in possesso dei requisiti anagrafici e contributivi al 31 dicembre 2016;

per coloro che, invece, non rientrano nelle previsioni precedentemente esposte, si dovrebbe procedere ad una ricollocazione in mobilità presso società controllate direttamente o indirettamente da pubbliche amministrazioni;

la XI Commissione lavoro ha iniziato in data 30 luglio 2015 l’esame di alcune proposte di legge (C. 2514 e abb.) che prevedono il settimo intervento di salvaguardia a favore dei lavoratori esodati,

impegna il Governo

a risolvere quanto prima la questione del personale delle società partecipate dalle province e dalle città metropolitane in uno dei provvedimenti attualmente all’esame del Parlamento.

9/3262/19. Locatelli, Pastorelli.

[share title=”Condividi su:” socials=”facebook, twitter, google, bookmark” class=”” ]

Civitavecchia: Pastorelli (PSI), forte presenza amianto, a rischio salute cittadini

Civitavecchia: Pastorelli (PSI), forte presenza amianto, a rischio salute cittadini

Roma, 3 agosto 2015 – “Nonostante Civitavecchia non sia inserita tra i siti di interesse nazionale per criticità ambientali, la località laziale palesa una forte presenza di agenti inquinanti. In particolare le centrali termoelettriche di Torrevaldaliga Nord e Sud, gli oltre 100 chilometri di rete di elettrodotti e lo stabilimento industriale Italcementi, dismesso nel 2009 senza completare gli interventi di bonifica, stanno causando ingenti danni all’ambiente del territorio. Soprattutto nella fabbrica Italcementi è stata rilevata nel 2012 una superficie di oltre 3 mila metri quadrati in cui insiste materiale contenente amianto. Circa sei anni fa la proprietà dello stabilimento si era fatta carico della bonifica, a tutt’oggi però mai realizzata. Tutto ciò nel totale degrado che può compromettere, a causa dell’esposizione del materiale pericoloso ai normali eventi atmosferici, la salute dei cittadini residenti. Per questo chiedo al ministro dell’Ambiente quali iniziative urgenti abbia intenzione di assumente al fine di verificare lo stato di inquinamento ambientale nella zona dello stabilimento Italcementi al fine di preservare lo stato di salute degli abitanti di Civitavecchia”. Così Oreste Pastorelli, deputato del Psi e componente della commissione Ambiente della Camera, nell’interrogazione parlamentare presentata al dicastero presieduto da Gian Luca Galletti.

[share title=”Condividi su:” socials=”facebook, twitter, google, bookmark” class=”” ]

Nomadi: Pastorelli (Psi), degrado intollerabile a Roma, presentata interrogazione

Nomadi: Pastorelli (Psi), degrado intollerabile a Roma, presentata interrogazione

Roma, 3 agosto 2015 – “La situazione di degrado ambientale causato dai rom nella Capitale è diventata ormai intollerabile. Nel quadrante Est di Roma, in particolare, ed in zona La Barbuta, area non distante dall’aeroporto di Ciampino, ogni giorno si verificano roghi, intensi fumi maleodoranti e forti esalazioni di sostanze tossiche. L’ultimo grave episodio è accaduto il 15 giugno scorso, quando un vasto incendio ha interessato il campo rom ‘La Barbuta’, andando a creare ingenti problemi alla circolazione aerea di Ciampino e a quella stradale del Gra. Inoltre, l’aggressione perpetrata ai danni di un’auto della protezione civile che perlustrava la zona denota le condizioni di assoluta pericolosità che vive l’intero territorio. Forze dell’ordine, Corpo Forestale e vigili del fuoco, d’altronde, hanno già adoperato tutti i mezzi in loro possesso per contrastare i reati ambientali. Chiedo quindi al Governo quali iniziative intenda assumere di fronte a questa insostenibile situazione di abbandono e se l’Esecutivo ritenga opportuno approfondire le conseguenze in termini di inquinamento, di impatto ambientale e di danni alla salute che può determinare il protrarsi di questa situazione di degrado”. Così Oreste Pastorelli, deputato del Psi e componente della commissione Ambiente della Camera, nell’interrogazione presentata al presidente del Consiglio e ai ministri dell’Interno, della Salute e dell’Ambiente.

[share title=”Condividi su:” socials=”facebook, twitter, google, bookmark” class=”” ]