Dissesto idrogeologico: Pastorelli (PSI), bene Renzi ora misure concrete

Dissesto idrogeologico: Pastorelli (PSI), bene Renzi ora misure concrete

5 marzo 2014 – “Le parole del Presidente Renzi lasciano ben sperare. Il dissesto idrogeologico e’ un’emergenza che va affrontata subito”. Così’ il deputato socialista Oreste Pastorelli ha commentato le parole di Matteo Renzi. Incontrando i sindaci siracusani, l’esponente del PSI ha sottolineato come in Italia ci sia più di un miliardo di euro destinati al dissesto idrogeologico che non viene speso.

“E’ un segnale estremamente positivo che il governo si sia reso conto del problema che, come socialisti, segnaliamo da tempo”, continua Pastorelli. “Come membro della commissione Ambiente mi sono speso in tutte le sedi istituzionali e non per affrontare questa problematica che distrugge la prima ricchezza del nostro Paese, il territorio. Attendo ora – conclude – di valutare le misure che il governo vorrà predisporre”.

Olivicoltori: Pastorelli (PSI) a Ministro in question time, innalziamo limite produzione olio

Olivicoltori: Pastorelli (PSI) a Ministro in question time, innalziamo limite produzione olio

Roma, 5 novembre 2013 – “Un intervento in difesa dei piccoli produttori, motore ed elemento centrale per il rilancio dell’economia e del territorio nel nostro Paese”.

Così Oreste Pastorelli, deputato del Psi, ha definito l’interrogazione, posta in Aula nell’ambito del question time, rivolta alla ministra per le Politiche Agricole, Nunzia De Girolamo.

L’esponente socialista ha chiesto spiegazioni in merito all’attuazione del Piano europeo di azione per il settore dell’olio di oliva e, in particolare, al Regolamento n. 299 adottato dalla Commissione europea che ha introdotto l’obbligo iscrizione in un apposito registro per coloro che detengano a fini professionali o commerciali partite d’olio d’oliva. Read More

Trasporti: Pastorelli (PSI), si faccia luce sui lavori della superstrada Terni-Rieti

Trasporti: Pastorelli (PSI), si faccia luce sui lavori della superstrada Terni-Rieti

Roma, 31 ottobre 2013 – Il deputato socialista, Oreste Pastorelli, ha presentato un’interrogazione parlamentare rivolta ai ministri dell’Economia e delle Infrastrutture per far luce sui lavori di completamento della superstrada Terni-Rieti.

In particolare, Pastorelli ha messo in evidenza i profondi disagi ai cittadini e agli utenti che rischiano di causare le modifiche, annunciate dall’ANAS, ai progetti esistenti. In particolare il parlamentare socialista ha chiesto spiegazioni in merito al cambiamento riguardante l’assetto dell’ultimo tratto mancante dell’arteria, quello tra Pie’ di Moggio e l’ingresso della galleria di Colli sul Velino.

Pastorelli ha espresso preoccupazione in merito agli impatti sulla mobilità poiché la modifica – si legge nell’interrogazione – «cancellerebbe non solo il sistema di svincoli previsti per il Comune di Rivodutri, ma anche le altre uscite, originariamente previste, per collegare a detta arteria gli altri comuni limitrofi del reatino». Read More

Impianti Ghost: Pastorelli (PSI), tutelare gestori e Pmi

Impianti Ghost: Pastorelli (PSI), tutelare gestori e Pmi

Roma, 13 ottobre 2013 – “La liberalizzazione dei cosiddetti impianti ghost (impianti fantasma) non risolve i nodi relativi alla tutela dei livelli occupazionali, delle piccole e medie imprese, nonché della salute e dell’incolumità pubblica”. Questo il commento di Oreste Pastorelli, deputato Psi in merito alla disciplina contenuta nell’articolo 23 del testo dell’AC 1864-B (Adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea – legge europea 2013-bis), approvato recentemente dal Senato.

Lo scorso 1° ottobre l’esponente socialista ha presentato un’interrogazione parlamentare sulla disposizione che liberalizza l’insediamento delle apparecchiature self-service ovunque sul territorio, sia fuori dai centri abitati che nelle aree urbane. “In questo modo, inoltre, non si tengono in considerazione gli effetti negativi sulla ristrutturazione della rete carburanti. Vi deve essere la possibilità di deroga, qualora l’esecuzione di obblighi – adottati a livello europeo – provochi conseguenze gravi allo Stato membro” ha ammonito Pastorelli.