Dichiarazione di voto 28 luglio 2015: Pastorelli (PSI) su mozioni cambiamenti climatici (VIDEO)

Dichiarazione di voto 28 luglio 2015: Pastorelli (PSI) su mozioni cambiamenti climatici (VIDEO)

“Com’è noto, l’Italia è chiamata a dare il proprio contributo nell’ambito di trattative internazionali decisive per le sorti dell’intero pianeta: la determinazione dei nuovi obiettivi di sviluppo sostenibile, prescritti dalla Conferenza di Rio, è infatti una straordinaria occasione per incidere realmente sulle politiche ambientali dei singoli stati aderenti e, dunque, sulla tutela dell’ambiente a livello globale”. Così Oreste Pastorelli, deputato del Psi e componente della commissione Ambiente, nel corso delle dichiarazioni di voto sulle mozioni concernenti iniziative per contrastare i cambiamenti climatici, per le quali il Governo ha dato parere favorevole.

“Occorre sottolineare – continua Pastorelli – tra le altre cose, come per la prima volta fra i possibili obiettivi ci sia quello di gestire i flussi migratori, i quali possono essere determinati anche da disastri ambientali e cambiamenti climatici; un obiettivo che ci interessa da vicino e sul quale dobbiamo dare il massimo impegno in tutte le possibili sedi internazionali. Per quanto riguarda, poi, il nostro impegno circa il controllo delle emissioni inquinanti, la tutela dell’ambiente e della biodiversità, occorre dire che deve essere fatto molto di più; il mancato raggiungimento degli obiettivi previsti dal protocollo di Kyoto costituisce, infatti, un campanello di allarme che non può, e non deve, essere sottovalutato”.

“Occorrono politiche e azioni di governo di ampio respiro, a medio e a lungo termine, le quali modifichino radicalmente abitudini e stili di vita nella popolazione, siano essi consumatori o imprese, e che riducano l’impatto della presenza dell’uomo sulla natura. E proprio in questa direzione, va la mia proposta di legge sulla mobilità elettrica che incentiva l’uso di veicoli ad emissioni zero, specie nel settore del trasporto pubblico, così da produrre un sostanziale miglioramento della qualità dell’aria con il conseguente abbattimento dei livelli di anidride carbonica”, le parole del parlamentare socialista.

“E’ chiaro, che l’appartenenza dell’Italia all’Unione europea non è priva di conseguenze: i vincoli di bilancio derivanti dal patto di stabilità devono essere ripensati, essendo sempre più indispensabile un piano di investimenti pubblici in tema di efficienza energetica, riduzione delle emissioni, tutela della biodiversità, e così via. Per tutti questi obiettivi è, dunque, necessaria un’incisiva azione di impulso da parte del Governo, tanto nelle sedi internazionali e sovranazionali, quanto in quelle nazionali; un’azione le cui coordinate di valore sono contenute negli impegni delle mozioni prese in esame, rispetto alle quali esprimo voto favorevole, è una prima risposta al problema di come impostare efficaci politiche di governo in materia ambientale; che dovranno poi essere oggetto di un confronto serrato dell’Esecutivo con il Parlamento”.

[share title=”Condividi su:” socials=”facebook, twitter, google, bookmark” class=”” ]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>