Pastorelli (PSI) presenta pdl: niente SIAE per piccoli comuni o pro loco che organizzano feste e sagre

Pastorelli (PSI) presenta pdl: niente SIAE per piccoli comuni o pro loco che organizzano feste e sagre

Roma, 29 marzo 2016 – “Le tante associazioni di promozione sociale, generalmente denominate pro loco, svolgono una preziosa attività che mette in risalto le tante qualità dei nostri territori. Gli eventi e le manifestazioni organizzate, specie se nelle piccole realtà, rappresentano dei momenti di aggregazione e di crescita economica e turistica per le comunità locali. Alle pro loco va inoltre riconosciuto un ruolo essenziale nella promozione di eccellenze agroalimentari e di attrazioni turistiche: insomma, un vero e proprio sponsor del Made in Italy e dei nostri fiori all’occhiello”.

“Pur ricoprendo questo importantissimo ruolo per i territori, tali associazioni realizzano i propri progetti solo attraverso il volontariato degli associati e senza grandi contributi dagli enti locali. Così, per agevolare il lavoro dei soggetti che ad oggi con grandi sforzi organizzano eventi nelle realtà locali, ho presentato una proposta di legge alla Camera dei Deputati per esentare dal pagamento SIAE i piccoli comuni, le pro loco e le organizzazioni senza scopo di lucro in occasione di manifestazioni culturali o di promozione del territorio. Per evitare derive fraudolente tali manifestazioni dovranno essere organizzate direttamente da un’associazione non lucrativa o da un comune con un massimo di 6 mila abitanti, dove le realtà associative sono generalmente prive di grandi mezzi economici”. Così Oreste Pastorelli, deputato del Psi.

[share title=”Condividi su:” socials=”facebook, twitter, google, bookmark” class=”” ]

2 comments

  • marco bruno

    By marco bruno

    Reply

    Si ma allora da chi verranno pagati gli autori che mettono a disposizione le loro opere? Per fare una festa ci vuole la musica e la musica qualcuno l’ha dovuta comporre. Io sono d’accordo che la Siae è un ostacolo per le manifestazioni però va fatto un discorso più attento. Bisogna trovare una soluzione non fare le cose senza pensare alle conseguenze

    • Oreste

      By Oreste

      Reply

      Quello che lei dice è giusto. Gli autori vanno salvaguardati, soprattutto i piccoli. E la proposta di legge va proprio in questa direzione, cercando di andare incontro alle esigenze dei compositori meno noti e mettendo in discussione il sistema adoperato sino ad oggi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>